domenica 27 novembre 2011

UNA CASA ANTICA

Ieri abbiamo trascorso la giornata a casa di mia suocera.
L’aria era frizzante, il sole rendeva ancora più luminosi i colori dell’autunno e trascorrere alcune ore all'aperto, nonostante i 2 °C, è stato molto piacevole.  
Poichè sono riuscita a  scattare  un po’ di foto carine della giornata, vorrei parlarvi un po’ della bella casa dove è cresciuto Maritino e che io trovo stupenda.
Si tratta di una casa del 1740 appartenuta ad una famiglia di conti (che per questioni di privacy preferisco non menzionare) e da cui in seguito è derivato il nome della via in cui si trova l’abitazione.
Diversi furono i proprietari che succedettero, tra questi il nonno di Maritino che alla sua morte lasciò la casa in eredità a mio suocero.
Questa è la parte della casa che  più mi piace, con il porticato e il granaio. Nel granaio abbiamo ritrovato molti oggetti vecchi e tarlati, che raccontano una storia e  che mio marito ed io non ci siamo fatti sfuggire e abbiamo portato a casa.


La casa si sviluppa ulteriormente , è talmente grande che circa 20 anni fà è stata ristrutturata ricavandone 3 nuclei abitativi dove vivono la sorella e il fratello con rispettive famiglie , e i genitori  di Maritino.

Questa è la porta murata di quella che un tempo era la chiesetta privata  attigua alla casa

 la campagna e  l'orto che mio suocero nel tempo libero curava con tanta dedizione





altri scorci della casa: il vecchio portone e il glicine






              che bello correre su un tappetto di foglie!!!!




 i miei ometti impegnati ad aiutare la nonna a portare in casa la legna per la stufa....




(photos by me - do not use without permission)




In questa casa , chiunque si fermava trovava sempre un posto a tavola, tanto che mia suocera molto spesso e con molto piacere,  preparava il pranzo o la cena  per 15 o più persone .
Lei era, ed è tuttora, un abile cuoca , e la grande sala  (Maritino da piccolo ci faceva i giri in bicicletta con gli amichetti tanto era grande!) ospitava spesso grandi feste per comunioni, cresime , compleanni dei familiari .
Una casa ricca di ricordi, dove la convivialità, la semplicità e la generosità  facevano da padroni.

Dedico questo post a mio suocero Alessandro che ci ha lasciati due mesi fà.
Il tuo ricordo Sandro, vive in ogni angolo di questa casa che tu hai curato con tanto amore e di cui eri tanto orgoglioso ...e che io adoro!. Ciao!

Erica

6 commenti:

  1. Quel portone col glicine... e quel frutteto.. Che fortuna vivere in un posto così, specialmente da bambini!
    Grazie del passaggio da me!
    Ho letto la ricetta della crostata, che proverò in un lampo =)
    Buona giornata
    Silvia

    RispondiElimina
  2. Che meraviglia, un vero paradiso! Il portone sotto il glicine è stupendo...

    RispondiElimina
  3. Ciao Erika, piacere di conoscerti.
    E così anche tu sei di Verona, com'è
    piccolo il mondo!
    La casa dei tuoi suoceri è bellissima,
    sei fortunata, un posto così è il mio sogno!!
    Torna a trovarmi
    Susy x

    RispondiElimina
  4. Carissima....mi perdonerai....PORCA VACCA!!
    Questa casa è da urlo!!! Strepitosaaaaa!!

    Proprio le case che piacciono a me...wowwww

    Fra

    RispondiElimina
  5. Bello il tuo blog...mi fa sentire in vacanza!

    RispondiElimina
  6. Nelle mie zone una casa così l'avrebbero già buttata giù semplicemente perchè "vecchia"; non si rendono conto che la peculiarità è proprio questa!

    RispondiElimina

Grazie per avermi dedicato un po' del tuo tempo ❤
Erica

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...