lunedì 19 dicembre 2011

LIQUORE ALLA LIQUIRIZIA (IDEA REGALO PER NATALE)

Se per Natale, come me, amate donare piccoli pensieri fatti con le vostre mani e state cercando  un'alternativa  alle solite marmellate o biscotti fatti in casa,  vi posso consigliare questo liquore alla liquirizia, facile nell'esecuzione e molto buono.
Basterà poi, giocare di fantasia con l'abbellimento della bottiglia e il regalo sarà molto apprezzato.



(photo by me)


LIQUORE ALLA LIQUIRIZIA
100 gr di liquirizia purissima (io la trovo in erboristeria)
1,2 kg. di zucchero
1 lt. di alcool a 90° (io non riesco mai a trovarlo e utilizzo quello a 95°)
1,2 lt d'acqua

Sciogliete il più possibile la liquirizia in 6 dl d'acqua leggermente intiepidita , quindi ponete il preparato in un vaso ermeticamente chiuso e scaldatelo a bagnomaria per favorire lo scioglimento: occorrerà circa un giorno perchè la liquirizia si sciolga completamente.
Preparate quindi uno sciroppo sciogliendo lo zucchero in 6 dl d'acqua e, quando è freddo, mescolatelo con l'acqua aromatizzata con liquirizia e con l'alcool.

Questo liquore si può gustare dopo qualche giorno di riposo, ed è più buono se servito freddo. :-D



Erica

IT'S CHRISTMAS TIME! (ULTIMA PARTE)

L'ultima domenica d'avvento è già passata,  il conto alla rovescia è iniziato!
Il nostro week end pre-natalizio è stato all’insegna della tranquillità: niente corse frenetiche nei centri commerciali per l’ultimo regalo da acquistare, perché noi a Natale con la mia famiglia e quella di mio marito con ci scambiamo regali.  
Con il passare degli anni, abbiamo capito quanto sia superflua la corsa forzata al regalo, e piano piano, tacitamente  senza alcuna decisione presa a tavolino, abbiamo smesso di farci travolgere dal lato consumistico e materialista di questa ricorrenza importante.
La nostra gioia più bella è stare assieme, e credo che quest’anno, che sarà il primo Natale senza mio suocero venuto a mancare due mesi fa’, ci renderemo conto realmente e ancora più profondamente quanto sia bello condividere il Natale con le  persone a cui si vuole bene.

Finalmente è arrivato il tanto sospirato freddo, e oggi pomeriggio la passeggiata per le vie di Bassano del Grappa con il freddo che pizzicava il viso, e la  cioccolata calda con panna in pasticceria , sono stati momenti veramente piacevoli .

Vi avevo promesso altre decorazioni, avete voglia di vederle? dai dai sono le utltime...... :-D
Cominciamo con questa cassettina di legno, realizzata dal mio nonno paterno moltissimi anni fa'.
Mi piace molto decorarla con composizioni diverse che cambio a seconda delle stagioni , ma anche in base ai miei momenti di "art attack".
Per il Natale ho utilizzato gli immancabili rami di pino, pigne, due tags vintage , una stella glitterosa, e degli spartiti musicali....







 ho completato il tutto accostando un babbo natale di legno, delle candele decorate e delle pigne (ancora!)




 cala la notte, si accendono le candele.......



....... quelle dei vasetti decorati con i centrini di carta (idea vista girare spesso nel web e che mi è  piaciuto molto: d'effetto e a bassissimo costo!)


anche la  lanterna della  scala che porta alle camere viene illuminata.....



e pure le candele posizionate sulla mensola della cucina......


Quante candele in casa! Vero? forse avrete capito quanto mi piace l'atmosfera che crea la luce fioca di una candela.......ed è per questo che non le faccio mancare neppure fuori  :-D  accostate ad un cesto carico di rami di pino , pigne e ceppi di legna :-D 





Ho pensato anche ai nostri amici uccellini decorando la loro casetta (poveraaaa, sta cadendo a pezzi!).....


(photos by me - do not use without permission)


Ed anche per oggi è tutto!
Vi auguro un buon inizio settimana!

Erica




giovedì 15 dicembre 2011

IT'S CHRISTMAS TIME (2a parte)


La carrellata di immagini relativa al mio Natale continua.


Questa è la decorazione che da il benvenuto all’ingresso di casa.
Ho ritagliato  un cuoricino da uno spartito musicale, bacche rosse dal mio giardino , pigne e un fiocco con bordure dorate.




Questo invece  è il festone posto sulla credenza della cucina.



Ho voluto proporre un tema legato alla cucina utilizzando piccoli centrini di carta (che sembrano fiocchi di neve che scendono leggere leggeri dal cielo….), gli stampini per biscotti e fiocchi in stile country rossi e bianchi.








Solitamente il rosso non mi piace.
Ma a Natale non ci rinuncio! E' in assoluto il colore delle feste e mi diverto ad abbinarlo al bianco e al verde dei rami di pino che utilizzo per molte composizioni.
Non mancherò di mostarvele, ma in un altro post :-D





Ciao! a prestissimo!

Erica


lunedì 12 dicembre 2011

IT'S CHRISTMAS TIME! (1a parte)

Finalmente l'atmosfera Natalizia è arrivata anche a casa mia.
Quest'anno con i preparativi  vado molto a rilento, non sento molto il clima di Natale, lo vedo ancora lontano e invece mancano pochissimi giorni!!! ( 'iutooooo sono indietro con tutto!!!!)
Che dite? vi va di accomodarvi?
vi presento il nostro alberello piccino picciò.


Fino a due anni fa’ decoravamo il nostro finto abete di 1.80 mt, ma da quando in famiglia è arrivato il  piccolo Attila (il Duenne rompi tutto),  ne utilizziamo la punta per realizzare un alberello piccolino da sistemare sopra il tavolo del salotto , lontano dagli attacchi della piccola peste :-D
Un mix di nordic e country style, ma tanto “coccoloso” come piace ai miei bambini.
Le decorazioni sono principalmente in legno e i cuori bianchi sono stati realizzati a mano da me con l'aiuto di Maritino.





Per oggi è tutto!
A prestissimo con altre decorazioni natalizie (ne ho ancora molte da mostrarvi!)
Ora scappo che stanotte arriva S.Lucia e se mi trova ancora sveglia nessun regalo per me :-D

Ciao

Erica

domenica 11 dicembre 2011

"IL MIO ANGOLO DI PARADISO"

Con questa foto (l'angolo lettura nel mio salotto) partecipo al concorso fotografico "IL MIO ANGOLO DI PARADISO" di Sarah Tognetti del famoso blog Shabby chic interiors .

          (photos by me - do not use without permission)

Vi piace il mio angolino di paradiso? Allora, se siete amici facebook di Sarah , cliccate QUI ed esprimete il vostro "mi piace".
Se come me siete appassionati d'arredamento, vi consiglio di andare a fare un giretto  non solo per votare (la mia foto, spero!),  ma anche per deliziare gli occhi con altri "angoli di paradiso" strepitosi.

"Accorrete e votate genteeeee !!!! " :-D

Erica


martedì 6 dicembre 2011

CON LE MANI IN PASTA

ciao amiche,
qualcuna di voi si ricorda cosa dicevo nel mio ultimo post in merito ai mie ritmi frenetici? sì sì, ricordate bene, dicevo che prima o poi sarei crollata…. e così è stato! Ma non per la stanchezza, ma a causa dell'influenza intestinale! Cosa peggiore non mi poteva capitare.
Da ieri sono a casa dal lavoro con addosso una continua sensazione di nausea fastidiosissima, ma oggi comincia ad andare meglio.
Anche se non sono nelle condizioni idonee per parlare o vedere immagini di cibo J, vi volevo postare alcune immagini di un pomeriggio in cui io e miei due bambini abbiamo “biscottato” .
Si tratta di una “prova tecnica” prima di quella ufficiale in cui sforneremo tantissimi biscotti da regalare alle maestre della materna e del nido e a qualche amichetto del cuore.
Le decorazioni (la pallina di pasta al centro del biscotto, il buco “stelloso” come lo ha definito il mio Quattrenne) sono frutto della fantasia del mio ometto più grande, e io le trovo veramente carine, che ne dite?
Non vi lascio la ricetta, si tratta di una banalissima base di pasta frolla. Alcuni biscotti, quelli più piccoli, sono al naturale, quelli più grandi guarniti con un po’ di marmellata e poi ricoperti con un secondo biscotto….
Eccovi le foto….








Come prima volta è andata bene? che ne dite?

Ciao e a presto

Erica

venerdì 2 dicembre 2011

COSTOLETTE D'AGNELLO AL FORNO

Ciao amiche!
Il conto alla rovescia per il Natale è iniziato e con esso mille cose da organizzare. 
Giro come una trottola tutto il giorno: sveglia alle 6.30 e poi fino a mezzanotte non mi fermo più, sono talmente carica ed entusiasta delle cose che sto' facendo che non sento neppure la stanchezza ( ma crollerò prima o poi.....succede sempre così!). 
Ho poco tempo per pensare al blog, ma una ricettina ve la voglia lasciare anche questa settimana.
E' una ricetta di Benedetta Parodi, quando la vidi nel corso del programma "Cotto e mangiato" mi colpì subito per la semplicità nella preparazione, per l'ingrediente principale, la carne d'agnello che io adoro.
Le mie aspettative ebbero conferma :ricetta veloce e gustosa che mi sento di consigliare anche come piatto per i prossimi numerosi pranzi o cene delle feste. Accompagnatela con un' insalatina o patate al forno e farete una bella figura....Bando alle ciance eccovi la ricetta:

COSTOLETTE D'AGNELLO AL FORNO
Ingredienti:
costolette d'agnello (ca. 12 pz pari a 800-900 gr. ca.)
3 fette di pancarrè
2 cucchiai di parmigiano + sale
farina
1 uovo

Esecuzione:

Passare le fette di pancarrè al mixer, aggiungere il sale e 2 cucchiai di parmigiano.
Passare le costolette su farina, poi nell'uovo e per finire nel pane.
Rivestire una pirofila capiente con carta da forno ed infornare a 190°C ventilato.
La ricetta prevede 10 minuti su un lato e 5 minuti su altro, ma io solitamente anzichè 5 minuti le lascio di più, finchè  la panatura diventa dorata, ca. 8-10 minuti, ma non di più altrimenti rischiate che la carne diventi dura.
Le costolette sono pronte, da leccarsi le dita!



Ora vado, ho del lavoro che mi attende...... ^____^




(photos by me - do not use without permission)


Ciao e buon di week end !

Erica



domenica 27 novembre 2011

UNA CASA ANTICA

Ieri abbiamo trascorso la giornata a casa di mia suocera.
L’aria era frizzante, il sole rendeva ancora più luminosi i colori dell’autunno e trascorrere alcune ore all'aperto, nonostante i 2 °C, è stato molto piacevole.  
Poichè sono riuscita a  scattare  un po’ di foto carine della giornata, vorrei parlarvi un po’ della bella casa dove è cresciuto Maritino e che io trovo stupenda.
Si tratta di una casa del 1740 appartenuta ad una famiglia di conti (che per questioni di privacy preferisco non menzionare) e da cui in seguito è derivato il nome della via in cui si trova l’abitazione.
Diversi furono i proprietari che succedettero, tra questi il nonno di Maritino che alla sua morte lasciò la casa in eredità a mio suocero.
Questa è la parte della casa che  più mi piace, con il porticato e il granaio. Nel granaio abbiamo ritrovato molti oggetti vecchi e tarlati, che raccontano una storia e  che mio marito ed io non ci siamo fatti sfuggire e abbiamo portato a casa.


La casa si sviluppa ulteriormente , è talmente grande che circa 20 anni fà è stata ristrutturata ricavandone 3 nuclei abitativi dove vivono la sorella e il fratello con rispettive famiglie , e i genitori  di Maritino.

Questa è la porta murata di quella che un tempo era la chiesetta privata  attigua alla casa

 la campagna e  l'orto che mio suocero nel tempo libero curava con tanta dedizione





altri scorci della casa: il vecchio portone e il glicine






              che bello correre su un tappetto di foglie!!!!




 i miei ometti impegnati ad aiutare la nonna a portare in casa la legna per la stufa....




(photos by me - do not use without permission)




In questa casa , chiunque si fermava trovava sempre un posto a tavola, tanto che mia suocera molto spesso e con molto piacere,  preparava il pranzo o la cena  per 15 o più persone .
Lei era, ed è tuttora, un abile cuoca , e la grande sala  (Maritino da piccolo ci faceva i giri in bicicletta con gli amichetti tanto era grande!) ospitava spesso grandi feste per comunioni, cresime , compleanni dei familiari .
Una casa ricca di ricordi, dove la convivialità, la semplicità e la generosità  facevano da padroni.

Dedico questo post a mio suocero Alessandro che ci ha lasciati due mesi fà.
Il tuo ricordo Sandro, vive in ogni angolo di questa casa che tu hai curato con tanto amore e di cui eri tanto orgoglioso ...e che io adoro!. Ciao!

Erica

venerdì 18 novembre 2011

DALLA CASA DELLA NONNA


Ciao amiche!
Oggi vi presento due sveglie vecchie vecchie, arrugginite e corrose dal tempo. Le adoro!
Appartenevano alla mia nonna paterna.
Per tanti anni sono state nella vetrinetta della sua cucina, anche dopo che lei è venuta a mancare; mio papà non ne voleva sapere di darle a qualcuno, lui è troppo geloso degli oggetti appartenuti alla sua cara mamma e tutto in casa era come l'aveva lasciato la nonna prima di morire.
Ora però stiamo svuotando l’appartamento della nonna per ristrutturare la casa dei miei e così , finalmente, molti  oggetti  vengono riportati alla luce. e rispolverati.
 Tempo fa’ mio papà mi ha chiesto di portare le due sveglie  da un antiquario per sistemarle un po’ (lui non capisce quanto è bella la ruggine in un oggetto datato),
A casa mia  le ho posate su una mensola….. wow come mi piacevano , ero così euforica che ho provato una "mise en scène" aggiungendo un vecchio libro francese, lavanda e rose essiccate. E’ passato qualche mese e stanno sempre lì! Che il mio papà apprezzi il modo in cui le ho valorizzate e tacitamente abbia deciso di lasciarmele? io non glielo chiedo, meglio non svegliar can che dorme! J
Erica

martedì 15 novembre 2011

PASTICCIAMO?...

Ieri il mio Quattrenne , tornato dall’asilo, nell’attesa che iniziasse il suo cartone preferito, mi ha chiesto di preparare una torta.
Con la "collaborazione" del Duenne, io munita di spugna per ripulire gli schizzi di pasta sparsi per la cucina, e un po’ di pazienza (sì, perché una semplice operazione di 10 minuti si può trasformare  in 20 minuti di delirio: litigi, ingredienti rovesciati sul piano di lavoro e impasto della torta tra i capelli e sui vestiti ...), ci siamo dedicati alla preparazione di questo dolce: una crostata morbida con marmellata, facile e molto veloce da realizzare, un dolce che preparo sempre per un invito a cena perché la buona riuscita è assicurata (non so voi, ma quando si tratta di preparare un dolce per un occasione particolare a me quelli lievitati riescono sempre male!!!!)

GLI INGREDIENTI:
200 gr di farina 00
170 gr. di zucchero
170 gr. di burro morbido
2 uova intere + 1 tuorlo sbattuto
1 bustina di vanillina
1 cucchiaio di lievito per dolci
1 pizzico di sale

Mescolare tutti gli ingredienti secchi,  aggiungere la miscela di uova e infine il burro morbido





 Risulterà una crema densa.




Versare in un tortiera da 24-26 cm rivestita di carta forno e con il dorso di un cucchiaio fare qualche buco qua e là .




 Versare sopra 1 vasetto di marmellata a scelta (io ho usato quella di pesche fatta da me la scorsa estate)




infornare a 180° C per ca. 35-40 minuti.

Ed ecco qui il risultato finale! Che ne dite? :-)




Ho provato a cimentarmi con i fotogrammi ma la luce era scarsa, abbiate pietà di me e delle mie foto!


Ciao
Erica



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...